Tutti i giorni dal lunedì al venerdì (+39) 379 2453468 Tutti i giorni dal lunedì al venerdì (+39) 379 2453468
info@agflab.it
Soluzioni ad h.o.c.
pratiche ed immediate
Create su misura
del cliente assistito
In prima linea
con le strategie aziendali
Chiama ora

Credito d'imposta per la riqualificazione delle strutture Turistico-Ricettive

22/02/2021

DM n. 598 del 20 dicembre 2017: disposizioni applicative per l’attribuzione del credito di imposta di cui all’articolo 10 del DL 31 maggio 2014 n. 83.

Destinatari:

L’agevolazione è rivolta alle strutture turistico – alberghiere del territorio nazionale esistenti alla data del 1° gennaio 2012:

1)  la struttura alberghiera aperta al pubblico, a gestione unitaria, con servizi centralizzati che fornisce alloggio, eventualmente vitto e altri servizi accessori, in camere situate in uno o più edifici. La struttura deve essere
composta da non meno di sette camere per il pernottamento degli ospiti;

2)  la struttura che svolge attività agrituristica definita dalla legge 20 febbraio 2006, n. 96 e dalle pertinenti norme regionali.

Tipologia delle strutture ricettive ammesse:

  • villaggi albergo
  • residenze turistico-alberghiere
  • alberghi diffusi
  • agriturismi
  • strutture termali
  • strutture ricettive all’aria aperta (campeggi, villaggi turistici, aree di sosta e parchi vacanza) - strutture individuate come tali dalle specifiche normative regionali

 

Finalità:

Sono ammissibili i seguenti interventi:

  • manutenzione straordinaria
  • restauro e risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia
  • eliminazione delle barriere architettoniche
  • incremento dell’efficienza energetica
  • adozione di misure antisismiche
  • acquisto di mobili e componenti di arredo destinati esclusivamente alle strutture ricettive, a condizione
    che il beneficiario non ceda a terzi né destini a finalità estranee all’esercizio di impresa i beni oggetto degli investimenti prima dell’ottavo periodo di imposta successivo.
    Gli interventi di cui ai numeri 1,2,3,4 sono ammissibili a condizione che abbiano anche come finalità l’incremento dell’efficienza energetica o di riqualificazione sismica di cui ai numeri 5 e 6.

Sono ammesse anche le spese per la realizzazione di piscine termali e per l’acquisizione di attrezzature e apparecchiature necessarie per lo svolgimento delle attività termali.

 

Agevolazione:

La nuova Legge di bilancio introduce l’incremento dei fondi relativi al tax credit ristrutturazione strutture turistico ricettive, che passano nel 2021 da 180 a 200 milioni di euro. Il c.d. bonus alberghi è riproposto, in versione potenziata, con riferimento alle spese sostenute nel biennio 2020-2021 ovvero, per le imprese con esercizio non coincidente con l’anno solare, nei due periodi d’imposta successivi a quello in corso al 31.12.2019.

Le principali novità rispetto alla precedente normativa consistono:

  • nell’ampliamento dell’ambito applicativo soggettivo alle strutture ricettive all’aria aperta (campeggi e attività analoghe);
  • nella modalità di fruizione del credito d’imposta, ammesso esclusivamente in compensazione anche in unica soluzione, senza obbligo di ripartizione in n quote annuali.
  • nell’aliquota stabilita, in continuità con le modifiche apportate per i periodi 2017 e 2018 dalla Legge di Bilancio 2017, in misura pari al 65%.

 

 

Contributo:

 

Per gli interventi sopra indicati è previsto un credito di imposta al 65%. L'importo totale delle spese ammissibili è di euro 307.693,30 per ciascuna impresa alberghiera, la quale, potrà beneficiare di un credito d'imposta massimo complessivo pari a euro 200.000.

 

Presentazione delle domande:

 

In attesa di emanazione del decreto attuativo

Regime di erogazione:

 

Il credito d’imposta sarà riconosciuto in “de minimis”.


Torna indietro   Maggiori informazioni

Credito d'imposta per la riqualificazione delle strutture Turistico-Ricettive Credito d'imposta per la riqualificazione delle strutture Turistico-Ricettive foto 1